Erano i primi giorni di vita di questo blog quando analizzavo per la prima volta le possibilità offerte agli sviluppatori Web dai vari browser, e sottolineando come persino io (lo sapevate che sono un fan di Opera? 😛 ) ancora non potessi fare a meno di Firefox e delle sue estensioni durante lo sviluppo di un sito.

Web developmentDa allora comunque le acque si son mosse parecchio ed il panorama davanti al quale ci troviamo risulta essere non solo molto più interessante, ma anche in pieno fermento.

Ovviamente mi riferisco al rilascio, da parte della società norvegese, di Opera Dragonfly, il debugger tool destinato, nelle intenzioni dei suoi creatori, a rimpiazzare totalmente Firebug nei cuori di tutti i web developer.

Nonostante alcuni problemi iniziali mi avessero impedito di provarlo (se siete nella stessa situazione postate un commento e spiegherò come risolvere), alla fine ho avuto anche io la mia occasione e nelle ultime nottate, complice il mio neonato interesse verso Ajax e MooTools, la libellula norvegese è diventata la mia più fedele compagna di lavoro. Rispetto alla precedente Developer Console (che non ho ancora abbandonato) risulta effettivamente molto più potente e versatile, per quanto manchino ancora alcune funzioni per me fondamentali, fra tutte la modifica on the fly dei CSS, e non sia certo priva di bugs. La situazione comunque non è certo statica e ad Oslo sono costantemente al lavoro per portare avanti lo sviluppo di questa prima alpha, basandosi in particolar modo sui numerosi feedback e suggerimenti della schiera di beta testers volontari. Ed ecco dunque spuntar fuori sul blog dedicato la prima di una lunga serie di weekly builds che, oltre a correggere numerosi bugs, aggiunge anche alcune funzioni essenziali come il completamento della Command Line e l’ Object Inspector. Tutto questo mentre il Desktop Team si prepara a rilasciare una build capace di far girare Dragonfly anche in modalità offline, attuale problema dovuto alll’incompatibilità del protocollo HTTPS con la cache persistente.

Peccato tuttavia che una feature che avevo chiesto spesso e che ritengo assolutamente fondamentale, ovvero l’integrazione di un sistema di validazione “trasparente”, come quello offerto in Firefox da HTML Validator o dalla la Web Developer Toolbar, non sarà integrato nella proposta di Opera. Personalmente non so quanto questo possa influire fra gli sviluppatori più esperti, ma onestamente l’idea di dover passare al setaccio ogni pagina usando il validatore online non è che mi solletichi molto.

Opera Dragonfly

Ma se gli sviluppatori di Opera stanno lavorando sodo per guadagnarsi il successo, chi si occupa dello sviluppo di Firebug non sta certo a guardare e giusto ieri ha rilasciato una nuova versione dell’estensione forse più popolare del web che, non solo aggiunge (finalmente) il supporto a Firefox RC1, ma offre anche nuove funzioni, una maggiore cura dei dettagli e, infine, il miglioramento complessivo delle performance (anche se questo, a mio parere, è più probabilmente dovuto al nuovo FF3 piuttosto che all’estensione in se).

Ecco dunque spiegato lo strano titolo con cui ho presentato questo post. Dopo anni di assoluta quiete e pressochè totale disinteresse verso (noi? … esagero?)  poveri sviluppatori web, eccoci trasformati improvvisamente nelle principessine più desiderate del reame… e finchè dura chi si lamenta? 😀