Crea sito

Insel der Engel'

Il mio piccolo pezzo di Paradiso

Month: gennaio, 2009

Destino ?

Si dice, o per lo meno qualcuno ci crede, che il nostro destino sia già stato scritto e bollato molto tempo fa da un qualche essere/entità superiore.

Francamente le mie idee sono quanto di più lontano possa esistere da questa concezione finalistica, eppure è da un po’ che mi chiedo se non ci sia davvero qualcuno lassù, per altro con uno strano senso del’umorismo, a manovrare le fila della marionetta che state leggendo.

Ma andiamo con ordine.

1998: Al termine delle scuole medie, e delle relative lezioni di educazione artistica, abbandonai del tutto (o quasi) matite e pennelli, una delle mie più grandi passioni, per lasciarmi trasportare dall’impulso del momento. In effetti non sono mai stato un tipo che riflette granchè prima di fare o non fare qualcosa. E se questo è vero oggi potete ben immaginare quanto potesse esserlo allora.

In realtà non ho mai davvero abbandonato le mie “velleità artistiche”, semplicemente, nella mia superficialità di ragazzino spensierato, non ho mai saputo dare il giusto peso alle cose.

E così il tempo passa, la vita continua, ogni tanto qualche disegnino qua e la, e nel frattempo mi limito a buttar giù di continuo appunti, bozze e idee per il futuro… Una quantità talmente grande che francamente ora come ora non so davvero come fare a gestire (cavolo 10 anni son davvero tanti).

2008: Tutta una serie di strane coincidenze e vicende si accavallano in uno strettissimo lasso di tempo stravolgendo totalmente quello status quo che consideravo forse destinato a durare in eterno… o, per meglio dire, sul quale non ho mai riflettuto.

Tra progetti andati a male e mille altre cose che non starò qui a spiegare, in estate torna a galla lo strano desiderio di riprendere seriamente in mano la matita (e soprattutto la penna) e cominciare a riordinare un po’ le idee sul da farsi. Ma dopotutto resta pur sempre qualcosa di vago e proiettato sempre ad un lontano (e meno caotico) futuro.

Qualche mese dopo però, non ricordo bene come, nasce una interessante discussione con GiO e, a dispetto di ogni mia aspettativa, l’interesse per questa ritrovata passione subisce una incredibile impennata ritrovandomi di fatto immerso in un mondo di cui prima forse nemmeno sapevo l’esistenza. In pratica è stato come portare per la prima volta un bambino al Luna Park. 😆

Ma per la regola del piano inclinato la pallina non può far altro che continuare a rotolare via via sempre più veloce. Ed ecco dunque spuntar fuori una nuova scoperta: Bakuman.

Bakuman nella mia mente malata e contorta rappresenta un vero lampo a ciel (quasi) sereno. Non soltanto è un manga molto intrigante e coinvolgente, ma fin dal primo capitolo non mi ci è voluto molto per entrare “in sintonia” con il protagonista. Diciamo che è come aver rivisto me “con più palle”. 🙄 E la cosa non ha fatto altro che incentivarmi e farmi impegnare ancora di più, oltre al fatto che grazie a questo mi sono per di più avvicinato a quel mondo dei manga che avevo sempre evitato preferendogli le più note versioni animate.

Ma come detto la pallina può soltanto accelerare ed eccomi quindi coinvolto in breve tempo in discussioni con amici e conoscenti in qualche modo del campo, e ad “incontrare” sulla mia strada il buon Federico DiStefano che con il suo aiuto non ha fatto altro che assecondare un pazzo 😆 .

Ma questo forse non era ancora abbastanza ed ecco dunque che stamattina, di ritorno dall’università, un’amica fermatasi un attimo in edicola torna da me con l’ultima trovata della DeAgostini per gli aspiranti mangaka. Nulla di particolarmente nuovo in realtà per il sottoscritto ma la cosa, ed il sorriso con cui lo ha fatto, mi ha davvero fatto pensare.

Che sia davvero un ulteriore segno di un piano superiore? … Beh se è così fatemi un favore lassù: mettiamo tutti le carte in tavola e non limitiamoci a lanciare messaggi sibilinni OK? 😆 (anzi se possibile servirebbe una tavoletta grafica).

PS
Non mi pare che tu legga il blog ma te lo scrivo anche qui: Grazie Sara, ho davvero apprezzato non solo il gesto ma anche come l’hai fatto. 😉

PPS
Quei fascicoli saranno anche una cavolata ma almeno il materiale è utile. Federico ho la matita blu per i bozzetti (credo) come la tua. :mrgreen:

Aggiungere Web Mail provider in Opera 10

Attenzione: il procedimento descritto nell’articolo fa riferimento ad una funzionalità ancora in lavorazione che pertanto potrebbe subire modifiche anche sostanziali in un prossimo futuro.

Nell’articolo precedente abbiamo visto come le ultime build di Opera 10 siano in grado di gestire le Web Mail come client di posta predefinito e vi avevo anticipato che, qualora il vostro provider non fosse fra quelli disponibili, sarebbe stato comunque possibilie aggiungerlo manualmente. Vediamo quindi come aggiungere il nostro provider.

Innanzitutto localizziamo il file webmailproviders.ini che si trova nella cartella \defaults della directory di Opera. Questo contiene la lista di tutti i servizi disponibili nella forma seguente:

[Gmail]
ID=1
URL=https://mail.google.com/mail/?extsrc=mailto&url=%s
ICON=http://mail.google.com/favicon.ico

I meno smaliziati si chiederanno probabilmente cosa significhino esattamente queste stringhe e come usarle.

  • La prima riga indica il nome del provider che verrà visualizzato nel programma. Trattandosi di un file .ini ovviamente è necessario racchiudere il nome fra parentesi quadre.
  • ID indentifica in modo univoco il servizio. E’ necessario usare una numerazione progressiva per i vari servizi.
  • URL è l’indirizzo usato dal provider per gestire il protocollo mailto attraverso la web mail. “%s” è la parte variabile che verrà di volta in volta sostituita con i dati del link mailto che cliccherete (indirizzo, oggetto, ecc…).
    Attualmente sono permessi anche URL Data e Javascript.
  • Icon infine indica il percorso della favicon della web mail.

Alla luce di tutto ciò appare quindi evidente che per poter aggiungere il nostro servizio di posta è necessario conoscere l’indirizzo dell’handler mailto (URL).

Purtroppo però non tutti i provider hanno tale caratteristica, ma possono ugualmente compilare i vari campi automaticamente specificandoli con variabili separate, anzichè con la sola “%s”, secondo questo schema:

  • %t = il destinatario
  • %s = l’oggetto
  • %m = il corpo del messaggio
  • %c = CC’d recipients
  • %b = BCC’d recipients.

Per rendere meglio l’idea analizziamo quindi come dovrebbe essere modificato l’URL nel caso di Gmail:

"http://mail.google.com/mail/?view=cm&fs=1&to=%t&su=%s&body=%m&cc=%c&bcc=%b"

Ancora una volta però i problemi non mancano in quanto, almeno per il momento, Opera non è ancora in grado di gestire questo tipo di URL e bisogna prima trasfromarli in un Data o Javascript URL come nell’esempio seguente:

[Operamail.com]
ID=4
URL=javascript:(function(uri)%7B%0D%0Afunction%20decode(s)%7Btry%7Breturn%20decodeURIComponent(s).replace(%2F%5Cr%5Cn%7C%5Cr%7C%5Cn%2Fg%2C%22%5Cr%5Cn%22)%3B%7Dcatch(e)%7Breturn%20%22Opera%20percent-decode%20error%22%3B%7D%7D%0D%0Afunction%20encode(s)%7Btry%7Breturn%20encodeURIComponent(s)%3B%7Dcatch(e)%7Breturn%20%22Opera%2520percent-encode%2520error%22%3B%7D%7D%0D%0Afunction%20escapeInvalidHH(s)%7Breturn%20s.replace(%2F%25(%3F!%5B0-9A-F%5D%7B2%7D)%2Fgi%2Cfunction()%7Breturn%20%22%2525%22%3B%7D)%3B%7D%0D%0Afunction%20escapeUnsafeHH(s)%7Breturn%20s.replace(%2F%2500%7C%2501%7C%2502%7C%2503%7C%2504%7C%2505%7C%2506%7C%2507%7C%2508%7C%250B%7C%250C%7C%250E%7C%250F%7C%2510%7C%2511%7C%2512%7C%2513%7C%2514%7C%2515%7C%2516%7C%2517%7C%2518%7C%2519%7C%251A%7C%251B%7C%251C%7C%251D%7C%251E%7C%251F%2Fgi%2Cfunction(match)%7Breturn%20encode(match)%3B%7D)%3B%7D%0D%0Afunction%20filterSingleLine(s)%7Breturn%20s.replace(%2F%5Cr%7C%5Cn%2Fg%2C%22%22)%3B%7D%0D%0Afunction%20MailtoURIParser(s)%7Bthis.parse(escapeUnsafeHH(escapeInvalidHH(%22to%3D%22%2Buri.substr(7).replace(%2F%5C%3F%2F%2C%22%26%22))))%3B%7D%0D%0AMailtoURIParser.prototype%3D%7Bparse%3Afunction(dataset)%7Bthis.to%3Dthis.subject%3Dthis.body%3Dthis.cc%3Dthis.bcc%3D%22%22%3Bvar%20ref%3Dthis%3Bdataset.replace(%2F(%5B%5E%3D%26%5D%2B)%3D(%5B%5E%26%5D*)%2Fg%2Cfunction(match%2Chname%2Chvalue)%7Bhname%3Ddecode(hname).toLowerCase()%3Bif(hname%3D%3D%22to%22)%7Bif(hvalue!%3D%22%22)%7Bif(ref.to!%3D%22%22)%7Bref.to%2B%3D%22%252C%2520%22%3B%7Dref.to%2B%3Dhvalue%3B%7D%7Delse%20if(hname%3D%3D%22cc%22)%7Bif(hvalue!%3D%22%22)%7Bif(ref.cc!%3D%22%22)%7Bref.cc%2B%3D%22%252C%2520%22%3B%7Dref.cc%2B%3Dhvalue%3B%7D%7Delse%20if(hname%3D%3D%22bcc%22)%7Bif(hvalue!%3D%22%22)%7Bif(ref.bcc!%3D%22%22)%7Bref.bcc%2B%3D%22%252C%2520%22%3B%7Dref.bcc%2B%3Dhvalue%3B%7D%7Delse%20if(hname%3D%3D%22subject%22)%7Bref.subject%3Dhvalue%3B%7Delse%20if(hname%3D%3D%22body%22)%7Bif(!(hvalue%3D%3D%22%22%26%26ref.body%3D%3D%22%22))%7Bif(ref.body!%3D%22%22)%7Bref.body%2B%3D%22%250D%250A%22%3B%7Dref.body%2B%3Dhvalue%3B%7D%7D%7D)%3Bthis.to%3Dencode(filterSingleLine(decode(this.to)))%3Bthis.subject%3Dencode(filterSingleLine(decode(this.subject)))%3Bthis.body%3Dencode(decode(this.body))%3Bthis.cc%3Dencode(filterSingleLine(decode(this.cc)))%3Bthis.bcc%3Dencode(filterSingleLine(decode(this.bcc)))%3B%7D%2Cformat%3Afunction(s)%7Bvar%20ref%3Dthis%3Breturn%20s.replace(%2F(%25%25)%7C(%25T)%7C(%25S)%7C(%25M)%7C(%25C)%7C(%25B)%7C(%25w)%2Fg%2Cfunction(match%2Ca%2Cb%2Cc%2Cd%2Ce%2Cf%2Cg)%7Bif(a)return%20%22%25%22%3Bif(b)return%20ref.to%3Bif(c)return%20ref.subject%3Bif(d)return%20ref.body%3Bif(e)return%20ref.cc%3Bif(f)return%20ref.bcc%3Bif(g)return%20encode(%22mailto%3A%22%2Bref.to%2B%22%3Fsubject%3D%22%2Bref.subject%2B%22%26body%3D%22%2Bref.body%2B%22%26cc%3D%22%2Bref.cc%2B%22%26bcc%3D%22%2Bref.bcc)%3B%7D)%3B%7D%7D%3B%0D%0Aif(uri.search(%2Fmailto%3A%2Fi)!%3D0)%7Bthrow%20%22Not%20a%20MailtoURI%22%3B%7D%0D%0Avar%20parser%3Dnew%20MailtoURIParser(uri)%3B%0D%0Avar%20compose%3Dparser.format(%22http%3A%2F%2Fmymail.operamail.com%2Fscripts%2Fmail%2FOutblaze.mail%3Fcompose%3D1%26did%3D1%26a%3D1%26to%3D%25T%26subject%3D%25S%26body%3D%25M%26cc%3D%25C%26bcc%3D%25B%22)%3B%0D%0Avar%20a%3Ddocument.createElementNS(%22http%3A%2F%2Fwww.w3.org%2F1999%2Fxhtml%22%2C%22a%22)%3Ba.href%3Dcompose%3Ba.click()%3B%0D%0A%7D)(%22%s%22)%3B
ICON=http://www.opera.com/favicon.ico

Chiaramente si tratta di una procedura non alla portata di tutti e che, si spera, presto non sarà più necessaria. Ma se nel frattempo volete cominciare a sperimentare nessuno potrà impedirvelo. 😉

Opera 10 si integrerà con le Web Mail

A dispetto di ogni mia previsione o aspettativa, il Desktop Team pare abbia finalmente accolto, seppure in modo ancora parziale, le numerose richieste dei suoi utenti riguardo un sostanziale miglioramento e potenziamento della gestione della posta in Opera 10.

Se con la prima alpha della prossima major release, Opera Mail (questo il nuovo nome di M2) aveva infatti introdotto il tanto desiderato supporto alla composizione in formato html e svariate migliorie volte a semplificare la vita dell’utente, con l’ultima weekly build si è voluto fare un ulteriore passo proprio in quest’ultima direzione aggiungendo il supporto nativo ai servizi Web Mail.

Ciò significa che sarà ora possibile, come del resto avviene già da tempo in Firefox 3, usare come client di posta predefinito direttamente l’interfaccia web di servizi come Gmail, Yahoo! Mail, e Windows Live Hotmail, anzichè dover ricorrere al protocollo POP3 o IMAP.

Tradotto in termini ancora più semplici, vi basterà adesso cliccare su un collegamento mailto: per aprire la pagina di composizione della vostra web mail, con tanto di campi come destinatario o oggetto eventualmente già compilati come nell’esempio sottostante:

Link

Una bella comodità per chi preferisce le sempre più evolute interfaccie ajax ai classici client desktop.

Per i maggiori providers il tutto avverrà in maniera trasparente senza che sia necessaria alcuna configurazione manuale da parte dell’utente. Al primo click su un collegamento mailto verrà semplicemente chiesto se si intende usare il client email predefinito di sistema, il client integrato in Opera, oppure una delle Web Mail supportate.

Tuttavia è ancora presto per poter testare a dovere questa nuova funzionalità.

Attualmente gli unici providers supportati sono infatti Gmail, Yahoo! Mail e Windows Live Hotmail, e, peraltro, gli ultimi due necessitano una versione recente del browser.js, senza contare che Yahoo continua a non funzionare come dovrebbe limitandosi ad aprire la finestra di benvenuto anzichè quella di composizione.

E’ ancora in corso una discussione fra gli sviluppatori se sia preferibile permettere ai providers di aggiungersi alla lista in modo automatico secondo le specifiche del WHATWG oppure procedere in proprio.

Sia come sia poco importa. Ciò che conta è aver finalmente colmato anche questa lacuna. E se il vostro provider non figura fra quelli disponibili non preoccupatevi, sarà sempre possibile aggiungerlo manualmente. Ma per questo vi do appuntamento alla prossima. 😉

Best of Week (+/-) #2

Settimana ricca di avvenimenti quella appena trascorsa. Indeciso su cosa inserire e cosa far fuori ho quindi pensato di tirare dritto (magari con la speranza di scriverci qualche articolo) e restare su link forse più utili e/o interessanti. 😉

Kabu - Dragonball TG

Kabu - Dragonball TG

Ecco la playlist della settimana:

Alla prossima. Enjoy 😉

Web standards curriculum in italiano

Qualche mese fa, parlando della straordinaria iniziativa di casa Opera per la formazione di web developer rispettosi degli standard web, accennavo anche al fatto che, essendo stata la guida rilasciata sotto una licenza Creative Common molto flessibile, ne sarebbe stato possibile (oltre che auspicabile) la localizzazione nelle più svariate lingue.

Fortunatamente non sono stato l’unico ad averlo notato e ad oggi alcuni volenterosi utenti della rete si sono già messi all’opera per portare il Web Standard Curriculum in alcune delle principali lingue, fra cui anche l’italiano.

Per la nostra adorata lingua di Dante pare essersi impegnato un utente esterno alla community di My Opera, Giuseppe aka floyd1616, che ha deciso di ospitare le traduzioni sul suo sito personale. Benchè avrei auspicato di vederle raccolte su un portale come OperaZone poco importa, ciò che conta è che comunque ci siano.

Al momento i lavori sono ancora in fase iniziale e sono state tradotti due soli tutorial introduttivi, ma sembra che ben presto l’intera documentazione dovrebbe essere pienamente fruibile.

Augurando buon lavoro a Giuseppe non ci resta che attendere (o cominciare a studiare) 😉 .

Links:

Opera Web Standards Curriculum
Opera Web Standards Curriculum in italiano
Indice traduzioni disponibili

Gli usi più creativi di jQuery ?

Oggi spezzo un po’ la monotonia di questo blog per tornare a parlare (era ora!) un po’ di web mastering e web design.

L’occasione mi si è presentata nel mentre selezionavo le risorse da inserire nel prossimo Best of Week e mi sono imbattuto in un articolo, apparso sul celebre portale NetTuts, a prima vista davvero interessante per chiunque si stia cimentando con jQuery e sviluppo web in generale: The 20 Most Practical and Creative Uses of jQuery.

Già il solo titolo, unito alla testata che lo ha pubblicato, dovrebbe essere una garanzia più che sufficiente non solo di utilità pratica ma anche di elevata qualità. Eppure, un po’ per scrupolo, un po’ perchè anche a me la cosa interessava parecchio, ho deciso di andare oltre la semplice lettura e tastare con mano tutti gli esempi riportati. E posso anticiparvi sin da ora che quell’articolo non finirà nella mia rubrica.

Mentre ad una prima lettura sembrerebbe infatti che le implementazioni effettuate dai vari autori siano la cosa più straordinaria del mondo, il discorso cambia decisamente quando si vanno ad aprire i vari esempi.

Non voglio qui puntare il dito contro questo o quello script/sviluppatore, pertanto cercherò di limitarmi ad una anlisi globale sugli aspetti più deludenti riscontrati.

Innanzitutto mi ha lasciato davvero molto perplesso notare come il fattore accessibilità sia stato totalmente ignorato non soltanto da alcuni sviluppatori, ma anche dall’autore dell’articolo.

Personalmente parto infatti da un presupposto imprescindibile secondo cui, se la resa finale non può essere cross-browser o cross-platform, bisognerebbe almeno garantire la piena fruizione dei contenuti anche sui browser non compatibili o con javascript disabilitato. Aspetto che invece non sembra essere stato preso in considerazione da alcuni sviluppatori (pochi per fortuna).

Restando sempre in tema accessibilità mi è parso poi davvero ridicolo riscontrare fra i siti in lista un Portfolio (o landing page) che supera addirittura i 5 MB (senza contare le infinite richieste http) per la sola (e strimizita) home page! Francamente, dopo aver atteso il caricamento di un mostro del genere, mi sarei quantomeno aspettato che non ci sarebbero più stati tempi di attesa nel passare da una sezione all’altra… Ovviamente mi sbagliavo ed anche tecniche base come il semplice preload o gli sprites vanno evidentemente al di là dell’immaginario comune.

Certo che se fosse finito tutto qui mi sarei comunque potuto ritenere fortunato. Ed invece è proprio la domanda che segue che mi ha portato a scrivere questo post:

Ma era davvero necessario ricorrere a jQuery (e JavaScript in generale) per ottenere quegli effetti?

Incredibile ma vero la risposta, in molti casi, è no. 😮

Per replicare alcuni degli effetti presentati sarebbe infatti bastato l’uso dei ben più semplici e compatibili CSS, eventualmente combinati con qualche sano hack.

Ora, ben vengano sperimentazioni e dimostrazioni pratiche delle proprie abilià o delle possibilità di un framework JS, ma nel momento in cui queste abbandonano lo status di esempio per approdare nel mondo reale credo bisognerebbe essere un po’ più critici. Specie poi nel caso specifico di jQuery che non è certo noto come il più parsimonioso di risorse (anche se con la prossima versione le cose porebbero cambiare).

Infine, e parzialmente correlato al punto precedente, lascia un po’ perplessi anche un’altra cosa. Molte delle risorse segnalate non hanno in realtà quasi nessun “sex-appeal” . Cosa che dovrebbe fare un attimo riflettere per un articolo che titola come “I 20 usi più pratici e creativi di jQuery”.

Ma ad ogni modo qui si va sul campo dei gusti personali e non è quindi possibile dare giudizi assoluti.

Chiudo quindi questo mio secondo articolo-polemica (o terzo ? 😕 ) nel mondo del web design lasciando a voi il compito di giudicare. E se volete fatemi avere i vostri pareri. 😉

PS
Preciso comunque che non tutto è da buttare e, anzi, molte cose sono interessanti. Solo sarebbe stato necessario maggior criterio durante la stesura dell’articolo.

Integrare Foxit Reader in Opera, Safari e Chrome

Attenzione: nell’articolo viene preso in considerazione prevalentemente Opera ma il procedimento è valido anche per Firefox, SeaMonkey, Flock, Safari, Google Chrome e qualsiasi altro browser NPAPI compatibile.

Uno dei software più interessanti scoperti in questi ultimi anni è stato, senza ombra di dubbio, Foxit Reader.

Francamente non credo abbia bisogno di presentazioni ma, per chi non lo conoscesse ancora, si tratta della più valida alternativa ad Adobe Reader non soltanto in grado di gestire alla perfezione qualsiasi file in formato PDF, ma risultando anche notevolmente più leggero e veloce del rivale e ricco di funzionalità aggiuntive.

Una delle poche pecche consisteva però nell’assenza di un plugin che ne permettesse l’integrazione all’interno del browser web per la visualizzazione dei documenti direttamente in quest’ultimo senza dover prima scaricarli e poi aprirli all’interno dell’applicazione. Fortunatamente con la versione 3, uscita qualche tempo fa, anche questo divario è stato colmato con il rilascio di un plugin compatibile con tutti i browser che usino lo standard Netscape’s Plugin API (NPAPI), ovvero tutti eccetto Internet Explorer.

Tuttavia, almeno per il momento, riuscire ad utilizzare questa nuova funzione in browser diversi da Firefox non è poi così immediato a causa di alcune “sviste” da parte degli sviluppatori che hanno preferito utilizzare un proprio metodo di installazione anzichè basarsi sul ben più collaudato e sicuro standard aperto. La cosa è stata già segnalata dagli sviluppatori di Opera ASA sul forum di Foxit Software e verrà probabilmente corretta nella prossima major release, ma, nel frattempo, ecco come procedere per poterne usufruire anche su browser diversi da Firefox.

Innanzitutto bisognerà procurarsi il plugin.

Se nel vostro sistema è installato anche Firefox (non valgono le varie versioni portable) ecco i passaggi da seguire, in caso contrario saltate (ovviamente) il primo punto:

  1. Assicuratevi che Firefox sia chiuso
  2. Aprite Foxit Reader
  3. Andate su Help > Check for Updates Now…
  4. Nella finesta che si aprirà selezionate nel box a sinistra “Firefox Plugin” e cliccate su Add
  5. Quindi cliccate su Install.

Partirà il download e l’installazione del plugin.

A questo punto, se Firefox era presente e tutto è andato a buon fine, avrete già finito in quanto Opera, per impostazione predefinita, userà anche i plugin installati all’interno della cartella di Firefox.

Se invece così non fosse dovrete copiare manualmente nella cartella dei plugin di Opera il file npFoxitReaderPlugin.dll che si trova (a meno non abbiate installato il programma in una diversa directory) in C:\Programmi\Foxit Software\Foxit Reader\plugins.

A questo punto, non appena vi imbatterete in un documento PDF, vi verrà richiesto se volete aprirlo direttamente in Opera usando il plugin di Foxit o preferite invece salvarlo.

Se invece non desiderate che vi venga richiesto ogni volta, basterà selezionare la casellina un basso o, se questa non fosse (come nel mio caso) attiva, andare su Strumenti > Preferenze… > Avanzate > Download, cercare l’estensione pdf, cliccare su Modifica… e selezionare l’ultima opzione (Usa plug-in).

Ed ecco infine il risultato ottenuto:

NB: Il procedimento descritto a volte sembra non dare buon esito causando il crash del browser. In questo caso è probabile che Foxit non abbia registrato correttamente il plugin. Per risolvere aprite la riga di comando e digitate:

regsvr32 /s "%ProgramFiles%\FOXITS~1\FOXITR~1\plugins\FOXITR~1 .OCX"

Ora dovreste essere in grado di usare correttamente il plugin. Se provate fatemi avere i vosti feedback. 😉

Best of Week (+/-) #1

In un mondo perfetto, il mio mondo perfetto, oggi avrei rivoluzionato totalmente questa rubrica e mi sarei goduto “la vostra meritata invidia”. Ma visto che così non è non vi resta che accontentarvi (o cancellare questa inutile sottoscrizione). 😆

Kabu - The Truth

Ecco la playlist della settimana:

Alla prossima. Enjoy 😉

The Book of Opera

Chi di voi non conosce l’ormai celebre Book of Mozilla ?

Per chi non lo sapesse si tratta di uno dei più geniali ed interessanti easter egg che gli sviluppatori di Netscape, prima, e Mozilla, poi, hanno pensato bene di inserire nei loro browser e visualizzabile digitando nella barra degli indirizzi about:mozilla.

Il risultato sarà una pagina in cui verrà mostrata una qualche sibillina profezia i cui versi si rifanno all’Apocalisse di Giovanni e riguardante la storica, nonchè interminabile, guerra dei browser.

Tralasciando ulteriori dettagli (per i quali potete consultare la relativa voce su Wikipedia), la cosa ha sempre suscitato grande interesse anche fra i non seguaci del lucertolone, finchè, qualche giorno fa, l’utente Southern Cross ha deciso di annunciare al popolo della rete la sua profezia che stavolta, a seguito di una non meglio precisata disfatta della volpe, vede protagonista una nuova bestia chiamata (stranamente 😛 ) Opera.

E visto che qui, dopotutto, non stiam mica a far ballare i trichechi, ho voluto dare anche io il mio piccolo contributo trascrivendo i sacri versi secondo le antiche e consolidate tradizioni. 😆

Ecco dunque il risultato finale (cliccate sull’immagine per ingradirla):

Andrà davero così? Chissà… In attesa che il destino faccia il suo corso non mi resta che darvi appuntamento alla prossima. 😉

Opera 10: che problema esser primi

Nonostante il sottoscritto non abbia avuto la possibilità di occuparsene, qualche tempo fa è stata rilasciata la prima alpha pubblica di Opera 10.

Una release importante che, come avevo  previsto a suo tempo, rappresenta solo il primo passo verso quella che sarà la versione finale e che dovrebbe inglobare, oltre  a quanto già introdotto (nuovo engine, controllo ortografico, aggiornamenti automatici, email in HTML), molte altre novità ancora sconosciute (anche se qualcosa la si può immaginare).

Ma tralasciando l’analisi delle sue caratteristiche, questa release aquista ancora più importanza perchè rappresenta il primo browser ad aver raggiunto un numero di versione a due cifre. Vabbè direte voi… vogliamo far propaganda anche su queste cose?

No, ma la cosa ha portato alla luce un grave errore, finora ignorato, nella programmazione di un altissimo numero di siti web che, non essendo stati abbastanza lungimiranti in fase di costruzione, non sono ora in grado di riconoscere correttamente il nuovo browser limitandosi a leggerne solo la prima cifra di versione e classificandolo come Opera 1. Come risultato tutti quei siti che facevano uso di browser sniffing (che non mi stancherò mai di additare come uno dei grandi mali del web) per permettere la navigazione solo su browser “sicuri” o compatibili risulteranno inaccessibili usando Opera 10. Problema piuttosto grave visto che affligge persino portali di importanza cruciale come quello di Bank of America o Microsoft Live.

Inoltre, quel che è più grave, c’è il grosso rischio che la cosa si protragga ancora per parecchio tempo vista la quota in fondo esigua di utenti di Opera e che ci vorranno ancora molti anni prima che Internet Explorer raggiunga quota 10.

Se così fosse (e lo sarà comunque per quei sitarelli più piccoli che, probabilmente, nemmeno conoscono Opera) toccherà agli uffici di Oslo pensare ad un workaround soddisfacente… anche se questo potrebbe significare reimpostare l’user agent predefinito su Internet Explorer o altro come qualche anno fa.

Links:

10 is the one
Are you a browser sniffer? Get your site ready for a new smell
Opera 10: deja vu da millennium bug