Oggi spezzo un po’ la monotonia di questo blog per tornare a parlare (era ora!) un po’ di web mastering e web design.

L’occasione mi si è presentata nel mentre selezionavo le risorse da inserire nel prossimo Best of Week e mi sono imbattuto in un articolo, apparso sul celebre portale NetTuts, a prima vista davvero interessante per chiunque si stia cimentando con jQuery e sviluppo web in generale: The 20 Most Practical and Creative Uses of jQuery.

Già il solo titolo, unito alla testata che lo ha pubblicato, dovrebbe essere una garanzia più che sufficiente non solo di utilità pratica ma anche di elevata qualità. Eppure, un po’ per scrupolo, un po’ perchè anche a me la cosa interessava parecchio, ho deciso di andare oltre la semplice lettura e tastare con mano tutti gli esempi riportati. E posso anticiparvi sin da ora che quell’articolo non finirà nella mia rubrica.

Mentre ad una prima lettura sembrerebbe infatti che le implementazioni effettuate dai vari autori siano la cosa più straordinaria del mondo, il discorso cambia decisamente quando si vanno ad aprire i vari esempi.

Non voglio qui puntare il dito contro questo o quello script/sviluppatore, pertanto cercherò di limitarmi ad una anlisi globale sugli aspetti più deludenti riscontrati.

Innanzitutto mi ha lasciato davvero molto perplesso notare come il fattore accessibilità sia stato totalmente ignorato non soltanto da alcuni sviluppatori, ma anche dall’autore dell’articolo.

Personalmente parto infatti da un presupposto imprescindibile secondo cui, se la resa finale non può essere cross-browser o cross-platform, bisognerebbe almeno garantire la piena fruizione dei contenuti anche sui browser non compatibili o con javascript disabilitato. Aspetto che invece non sembra essere stato preso in considerazione da alcuni sviluppatori (pochi per fortuna).

Restando sempre in tema accessibilità mi è parso poi davvero ridicolo riscontrare fra i siti in lista un Portfolio (o landing page) che supera addirittura i 5 MB (senza contare le infinite richieste http) per la sola (e strimizita) home page! Francamente, dopo aver atteso il caricamento di un mostro del genere, mi sarei quantomeno aspettato che non ci sarebbero più stati tempi di attesa nel passare da una sezione all’altra… Ovviamente mi sbagliavo ed anche tecniche base come il semplice preload o gli sprites vanno evidentemente al di là dell’immaginario comune.

Certo che se fosse finito tutto qui mi sarei comunque potuto ritenere fortunato. Ed invece è proprio la domanda che segue che mi ha portato a scrivere questo post:

Ma era davvero necessario ricorrere a jQuery (e JavaScript in generale) per ottenere quegli effetti?

Incredibile ma vero la risposta, in molti casi, è no. 😮

Per replicare alcuni degli effetti presentati sarebbe infatti bastato l’uso dei ben più semplici e compatibili CSS, eventualmente combinati con qualche sano hack.

Ora, ben vengano sperimentazioni e dimostrazioni pratiche delle proprie abilià o delle possibilità di un framework JS, ma nel momento in cui queste abbandonano lo status di esempio per approdare nel mondo reale credo bisognerebbe essere un po’ più critici. Specie poi nel caso specifico di jQuery che non è certo noto come il più parsimonioso di risorse (anche se con la prossima versione le cose porebbero cambiare).

Infine, e parzialmente correlato al punto precedente, lascia un po’ perplessi anche un’altra cosa. Molte delle risorse segnalate non hanno in realtà quasi nessun “sex-appeal” . Cosa che dovrebbe fare un attimo riflettere per un articolo che titola come “I 20 usi più pratici e creativi di jQuery”.

Ma ad ogni modo qui si va sul campo dei gusti personali e non è quindi possibile dare giudizi assoluti.

Chiudo quindi questo mio secondo articolo-polemica (o terzo ? 😕 ) nel mondo del web design lasciando a voi il compito di giudicare. E se volete fatemi avere i vostri pareri. 😉

PS
Preciso comunque che non tutto è da buttare e, anzi, molte cose sono interessanti. Solo sarebbe stato necessario maggior criterio durante la stesura dell’articolo.