Crea sito

Insel der Engel'

Il mio piccolo pezzo di Paradiso

 
Tag: Web Development

Google User Experience: predica bene, ma…

Quante volte, girovagando di qua e di là alla ricerca di qualche utile articolo sul web-design, vi siete imbattuti in una di quelle liste di consigli da seguire durante la progettazione del vostro sito?

Personalmente non le conto nemmeno più, e gli autori sono davvero i più svariati, dall’esperto internazionale di CSS al piccolo blogger che cerca di mettere a disposizione degli altri tutta la sua esperienza.

In genere solo raramente mi soffermo in una lettura più attenta di questo genere di articoli (ipotizzando con arroganza di non aver nulla di nuovo da imparare 😳 ). Eppure questa volta non ho potuto proprio ignorare il post in questione, dopo aver appreso dal titolo che il dispensatore di consigli di turno era niente-po-po-di-meno-chè l’onnipotente Google. 😮

Google Teacher

Ad una prima lettura, il gruppo Google User Experience è in effetti riuscito a sintetizzare in 10 semplici punti come una applicazione web degna di questo nome dovrebbe essere sviluppata. Si tratta di consigli molto generici ma di indubbio valore didattico. Del resto si tratta di quelle stesse linea guida seguite ai tempi della creazione di quell’interfaccia che ha decretato il successo di Google nella lotta dei search engine.

E allora dov’è il problema vi starete chiedendo? Semplice provate a scorrere la lista fino al sesto punto:

6. Design for the world.

… Our goal is to design products that are contextually relevant and available through the medium and methods that make sense to users…

… and Google’s mission to make the world’s information universally accessible, demand products that support assistive technologies and provide a useful and enjoyable experience for everyone…

Se a questo punto non siete sobbalzati dalla sedia e/o svenuti significa che non usate Opera con le web application di Google. Giusto in questi giorni sto infatti valutando seriamente l’idea di abbandonare sia GReader che Gmail in favore di alternative che non richiedano necessariamente Firefox per funzionare.

Chiunque usi il Feed Reader di Google con Opera sa bene infatti come, oltre ai mille problemi in cui si incappa ad ogni aggiornamento dell’applicazione (che vengono risolti mediamente in 10 giorni o più), attualmente la sua lettura risulti estremamente irritante, con latenze e “freeze” temporanei che metterebbero alla prova anche la pazienza di San Francesco.

Anche Gmail e le altre applicazioni poi non è che brillino sul fronte compatibilità, per quanto si riesca comunque a lavorare una mezzoretta senza farsi venire un’ulcera gastrica.

Google si era sempre difesa affermando come fosse Opera ad avere delle limitazioni intrinseche di difficile soluzione. Ma abbiamo già visto come queste affermazioni fossero del tutto prive di fondamento.

Insomma sviluppare web-application universali va bene… purchè in qualsiasi parte dell’universo ci si trovi si stia usando Firefox. 🙄

Campagna anti-google a parte, esorto comunque tutti i miei lettori a seguire alla lettera almeno i consigli dati dalla grande G… ma per l’esempio forse è meglio guardare altrove. 😉

Opera Dragonfly si prepara per il primo vagito

Circa un mese fa scrivevo il primo post sul mistero che circondava Opera Dragonfly.

Opera DragonflyLe idee al riguardo erano molte e le più disparate ma fino alla fine nulla di certo si sapeva sulla natura di questo fantomatico progetto.

Ora finalmente quelli di Opera hanno deciso di rompere la suspance e, contestualmente al rilascio della seconda beta pubblica di Kestrel, hanno rivelato al mondo intero cosa in effetti sia questa fantomatica libellula che tanto ha fatto parlare di sè.

Come giustamente ipotizzato da molti (e da babox in particolare che ne ha fornito anche una interessante spiegazione) il progetto non era altro che i tanto attesi strumenti di sviluppo che da tempo la software house norvegese aveva promesso ai suoi utenti. Ed in effetti la loro mancanza si sentiva eccome, nonostante la pur sempre ottima Developer Console sviluppata in javascript come palliativo temporaneo.

Adesso invece il nuovo tool pare non voglia più essere considerato solo un’alternativa minore al più famoso Firebug, bensì prenderne il posto come strumento di riferimento per tutti gli sviluppatori web. (per i particolari vi rimando all’articolo su OperaZone.it)

Certo fin qui si parla di semplice campagna pubblicitaria visto che ai fatti nessuno ha ancora avuto il piacere di testarlo di persona, ma, basandomi sulla semplice esperienza personale, credo che entro poco tempo Opera Dragonfly riuscirà davvero nel suo obiettivo (con l’inevitabile “effetto collaterale” che molti più utenti useranno anche Opera browser 😛 ).

Che dire allora… appuntamento al 6 Maggio per il grande debutto e per le prime prove su strada. Io ho già prenotato i biglietti, e so che anche voi farete altrettanto visto il numero di visite che il precedente articolo ha ricevuto tramite Google. 😉